home

 

Montagne dël mè piemont

Montagne dël mè piemont
che base 'n front sta mia sità
Montagne dël mè pais
ch'i sghicie l'euj al paradis,
porté lassù'nt ël cel
ij seugn d'ën bogianen.
Disèjlo che a sta sità
a-j manca'l fià për protesté,
disèjlo domje na man
domje'n pò'd sol e'n cel seren;
crijé, fé'n pò'd rabel lassù, lassù'nt ël cel.
Përchè sta mia sità l'é ant ël canton dij vej,
përchè a traond ël tòssi come s'a fussa mel.
La gent dis, tant për dì,
Turin a l'é un pais; l'é colpa dij teron;
a l'ha le miole sëcche. E nò, mia cara gent!
I l'eve mai pansà che forse sta sità
l'è smòrta përchè noi an fond i soma mach
na màniga 'd farfoj
ch'a viv con j'euj bindà:
na màniga 'd partiant
ch'a buta 'd vissicant an s'una gamba'd bòsch?
L'é smòrta përchè noi i l'oma mach ëd lenga,
vivoma an sla malissia
e i soma nen còs sia l'amor e l'amicissia.
Pensé che meravija, se tuti ij Turinegrave;is
as pièisso për la man
e a fèisso'n girotond antorn a sta sità!
Pensé che meravija, se tuta la maraja
ch'a passa për la stra, anvece 'd tiré via,
crijèissa: -Ciao, somà!
Provoma; fòrsa, fieuj! Tacoma già d'ancheuj!
E mi, veuj esse 'l prim ch'a slarga la soa man
për podèj strenz-ne tante e tante d'àutre man!
Montagne deel mè piemont
che base 'n front sta mia sità;
Montagne dël mè pais
ch'i sghicie l'euj al paradis,
porté lassù'nt ël cel
ij seugn d'ën bogianen.
Montagne del mio piemonte
che baciate in fronte questa mia cittą;
montagne del mio paese
che strizzate l'occhio al paradiso,
portate lassu' nel cielo
i sogni di un "bogianen".
Diteglielo che a questa citta'
manca il fiato per protestare
diteglielo, diamole una mano
diamole un po' di sole e un cielo sereno;
gridate, fate un po' di baccano lassu' nel cielo.
Perche' questa mia citta' e' nell'angolino dei vecchi,
perche' deglutisce il veleno come se fosse miele.
La gente dice, tanto per dire,
Torino e' un paese; e' colpa dei meridionali;
ha il midollo inaridito. E no, mia cara gente!
Non avete mai pensato che forse questa citta'
e' cosi' spenta perche' noi in fondo siamo soltanto
una combricola di arruffoni
che vive con gli occhi bendati;
una combricola di giocatori
che mette dei vescicanti su una gamba di legno?
E' cosi' spenta perche' noi abbiamo solo parole,
viviamo nella malizia
e non sappiamo cosa siano l'amore e l'amicizia.
Pensate che meraviglia, se tutti i Torinesi
si prendessero per mano
e facessero un girotondo intorno a questa citta'!
Pensate che meraviglia se tutti i ragazzi
che passano per la strada, invece di passare oltre,
gridassero: ciao, compare!
Proviamo; forza, ragazzi! Cominciamo gia' oggi!
E io, voglio essere il primo che tende la sua mano
per poter stringere tante e tante altre mani!
Montagne del mio piemonte
che baciate in fronte questa mia citta';
montagne del mio paese
che strizzate l'occhio al paradiso,
portate lassu' nel cielo
i sogni di un "bogianen"
        "bogianen" termine che indica chi non si muove
i soldati piemontesi lo ripetevano per resistere contro i francesi