home




In fondo al paesino di Acceglio, in Val Maira nel cuneese, è stata posta una lastra di rame con, in rilievo, le parole di una poesia in dialetto piemontese scritta da Silvio Einaudi.

Clicca sulla foto per leggerla direttamente.

LA VAL MAIRA

La val Maira, miei cari, è tutta bella,
da dove inizia fino a Chiappera;
ad ogni tornante di strada c'è una cappella,
c'è un borgo con una sorgente che ride leggera.

E il cielo è blu, più blu della genzianella:
e blu è anche il colore dei tetti di pietra.
Bella d'inverno quando grida il gheppio
più bella ancora quando viene la primavera.

Allora la betulla lucida si sveglia,
mette le prime foglie e con follia
fa il primo ballo insieme al vento d'aprile;

intorno si espande un profumo lungo, sottile
forse di violette, forse di cerfoglio:
o è del giglio d'acqua del Saretto.

La Val Maira, mè car, l'é tuta bela,
da doa ancomensa fin a la ciapera;
an ògni gir dë stra i é na capela,
i é un borgh con na sorgiss ch'a rìi legera.

E 'l cel l'é bleu, pì bleu dla gensianela:
e bleu l' é dcò 'l color dij teit ëd pera.
Bela d'invern quand crija la crivela
p ì bela ancor quand ven la primavera.

Anlor la biola l ùcida as dësvìa,
buta le prime feuje e con folia
a fa 'l prim bal ansema al vent d'avril;

d'antorn a gira un p ërfum longh, sutil,
forse d viol ëtte, forse d cërfojèt:
o l' é dël liri d'aqua dël Saret.