home

Tête d'Oréac 2088m

[Francia - Briançon vallon du Fournel]








Suddivisione Orografica Internazionale (SOIUSA)

I/A     5.III     C.12.c

Alpi Sud-occidentali
Alpes du Dauphiné


44° 48' 15" N
  6° 29' 43" E
Foto e testo di Ivonne Favro
29/08/2011






dislivello 350m in 6 Km totali
 


anello: Tête d'Oréac et lac des Hermes

 
Raggiungere la Val Durance a Briançon e scendere a Argentière la Bessée; passare a destra oltre il ponte fino a Les Vigneaux e salire a Puy St-Vincent. Salire verso Sud-Est a Prey d'Aval e proseguire, su sterrata fino all'inizio del pianoro del Col de la Pousterle. Il posteggio non manca e neppure le indicazioni.
Iniziamo l'anello in senso orario, salendo su sterrata in direzione Sud-Ovest nello splendido lariceto non troppo fitto. Subito una sorpresa: il sambuco rosso.
Alberello con il fusto cosparso di piccole macchie e con il midollo dentro ai rami.
ATTENZIONE: alcune parti della pianta sono altamente tossiche, contengono cianuro.



MA anche il Colchicum è una pianta molto velenosa!!
Simile al Crocus, non ha foglie ora; persino gli animali non lo toccano. Ce ne sono molti.
In mezzo ai larici appare il gruppo di Montbrison con la Tête d'Amont.






Toccando il punto più a Sud del sentiero, ci affacciamo sul Vallon du Fournel
Il sentiero continua a salire e gli alberi si diradano un po'


                ed ecco apparire il Pelvoux                             con il suo ghiacciaio

                          ma
    anche la vetta e il tridente di Nettuno
qualche particolare:

verso Nord-Est
Chaberton, al centro Monginevro, a destra le Janus

verso Est
les Têtes con dietro la Tête du Puy e la Crete du Peyron
verso Nord:                   la Cucumelle
Pointe Guyard, L'Ailefroide, il buco della sciabolata (Coup de Sabre), il Pic Sans Nom e il Pelvoux

sotto, verso Ovest: la Crête de la Pendine, a Sx, con gli impianti
                  e giochi di nubi
scendendo al lago incontriamo una curiosa segnaletica
lago Des Hermes con il riflesso del ghiacciaio e,
poco dopo, ecco il ghiacciaio Bianco della Barre
proseguendo, per chiudere l'anello, passiamo sotto la cresta de la Coste de l'Ase e poi di fianco alla Tête de la Rocaille che costituisce una palestra di roccia, tra le tante, della zona
 
voltandomi ecco il sito della palestra di roccia, noi giriamo a destra sul sentiero per rientrare al Col de la Pousterle.
codice SOIUSA

I/A       Alpi Sud-occidentali
5.III     Alpes du Dauphiné - Massif des Ecrins_Massif du Pelvoux
C.12.c   catena Pelvoux_Bans_Sirac - gruppo Bonvoisin_Sirac - catena Neyzets_Aiglière