home


I Ciargiur

[Coazze - Val Sangone]

 
 



    45° 03' 05" N
    7° 14' 42" E
Foto e testo di Ivonne Favro

25/02/2009
 
dislivello 407m; cumulato 600m in 7 Km totali



Gita a          I Ciargiur


 
Raggiungere Coazze e

proseguire verso Forno di Coazze

fermandosi alla frazione Ferrie.


Posteggiare l'auto davanti alla chiesa;


un'architettura davvero curiosa
con lesene istoriate da bassorilievi inusuali


e soprattutto lo strano campanile.....


purtroppo oggi è impossibile scoprirne l'interno!


Complesso decisamente suggestivo






la giornata si presenta con una spessa coltre di foschia, speriamo che migliori.
Abbandonato l'asfalto percorriamo la sterrata ora ricoperta di neve battuta, passiamo sotto le case Toni e raggiungiamo la borgata Rolando, abbandonata nel periodo invernale. Sopra il paese una sbarra aperta indica la proprietà privata, ma si può passare a piedi. Molti alberi
hanno i rami rotti, la neve è ancora abbondante, ma sta divenendo morbida allora ci muniamo di ciaspole ai piedi per evitare di affondare.
Si potrebbe godere di un'ottima visuale sul gruppo dell'Aquila verso Sud, ora però se ne intuisce solo vagamente la sagoma.
L'ultimo tratto diviene sentiero e poco prima della borgata Ciargiur di Mezzo

troviamo il    "mastino"    tra le radici contorte degli alberi......     
                        buongiorno a Te
Girandomi vedo Ciargiur d'Avat e la Falconiera 1319m
ma davanti a me inizia Ciargiur di mezzo
con il pilone alla "Madonia" Immacolata
e poco oltre ecco Ciargiur d'Amont
Avvicinamento alla chiesetta dedicata a Pier Giorgio Frassati in Ciargiur d'Amont
clicca qui per vedere la mappa dei sentieri del Parco Orsiera-Rocciavrè
e qui per leggere la descrizione della fauna del Parco
Appena sopra la chiesetta ci fermiamo e immortalo quel poco che vedo davanti a me
mentre questo è ciò che Paolo riesce a catturare, tra i vapori, verso Ovest;             cliccala.....

notato il drago che abbraccia la neve che lo disegna? Ciargiur sul crinale di fronte
I Ciargiur sono 3 + 1 come i Moschettieri:
                        d'Aval a Est, di Mezzo al centro, d'Amont a Ovest e sul crinale di fronte, verso valle, viene riportato Ciargiur o Prese Gionale.

Per la discesa le ciaspole sono un obbligo in quanto la neve ha perso la crostina gelata.